handicap glutenfree tripadvisor facebook

Spoleto

Spoleto“Spoleto è la scoperta più bella che ho fatto in Italia, e così ho pensato: se noi due magari coi bambini, un giorno venissimo a vivere uno o due mesi in questa bella città, in questa stupenda regione… pensaci! c’è una tale ricchezza di bellezze pressoché sconosciute, di monti, di valli, foreste di querce, conventi, cascate!” Questo quello che scrisse Hermann Hesse alla moglie, ma se si ha la compiacenza e il tempo di leggere i taccuini di altri scrittori-visitatori (Tito Livio, Gabriele d’Annunzio, Goethe) il tenore non cambia e il trasporto è, se possibile, maggiore. La vecchia e cara Spoletium ha rivestito per secoli un’importanza a livello storico, sociale, architettonico pari a quella del capoluogo e delle città limitrofe non avendo niente da invidiare, per bellezze naturali e non, alle sue cugine settentrionali. Se poi si vuole unire la bellezza naturale con quella architettonica è bene cominciare la propria visita dal Ponte delle Torri, che pur essendo salito agli onori della cronaca per vicende poco felici, vede la sua ragion d’essere come acquedotto che, per secoli, ha rifornito la città di Spoleto. L’ensemble natural artistico rendeva il racconto dello stesso Goethe un turbinio di emozioni (“Sono salito a Spoleto e sono anche stato sull'acquedotto, che nel tempo stesso è ponte fra una montagna e l'altra. Le dieci arcate che sovrastano a tutta la valle, costruite di mattoni, resistono sicure attraverso i secoli, mentre l'acqua scorre perenne da un capo all'altro di Spoleto”). La stessa Rocca che lo sovrasta è un esempio, ben riuscito di edificio al servizio della città e della politica. Un po’ come successe a Perugia, infatti, anche questa rocca venne fatta edificare dal Cardinale Egidio Albornoz, su incarico di papa Innocenzo VI, per riorganizzare i territori soggetti allo Stato Pontificio in previsione (e come calmiere) di qualsiasi possibile scaramuccia al rientro del papa dalla trecentesca cattività avignonese. Anche Spoleto, quindi, al centro della storia, dai tempi dei tempi. E’ storia, infatti, che la città divenne colonia romana nel 241 a.C. e che, restando fedele a Roma durante le guerre puniche, respinse Annibale nel 217 a.C. dopo la sua vittoria al Trasimeno. Salì poi, agli onori romani quando, nel 43 a.C. vi fece tappa Ottaviano (il futuro Augusto) poco prima della battaglia di Modena. Fece da sfondo alla guerre longobarde e molto più tardi alle vicende di Lucrezia Borgia, che fu sua governatrice, e che venne accolta tra i festeggiamenti al suo ingresso da Porta San Matteo. Spoleto non manca di attirare turisti anche perché scelta più volte come location per produzioni cinematografiche che hanno accresciuto, con il tempo, la già notevole fama della città.

Contatti

Per informazioni e prenotazioni puoi scriverci

oppure chiamarci al telefono
cellulare: +39 328 264 68 21

Offerte

Alcune occasioni per visitare l'Umbria e dormire nel nostro b&b...

3 giorni scontati tutto l'anno!

Offerta 3 notti in matrimoniali o triple a partire da 65€ al giorno!

Eventi

I prossimi eventi in programma a Perugia e dintorni sono:

Albero di Gubbio

L'albero di Natale più grande del mondo.

I Comfort

  • Bagno privato in camera
  • Internet wireless gratuita
  • Climatizzazione personalizzata
  • Parcheggio
  • Ascensore
  • Asciugacapelli
  • Cassaforte
  • Frigobar
  • leggi tutto

© B&B Le Olive
il bed&breakfast tra Perugia e Assisi - +39 328 2646821 / +39 075 5995028 - info@leolivebeb.com