handicap glutenfree tripadvisor facebook

Todi

TodiPur essendo fuori mano rispetto ai soliti tour, Todi, merita una visita anche se solo di poche ore. Anche in questo caso la città è arroccata e non mancano vicoletti e stradine per fare da sfondo a questo gioiello umbro. Sarà l’aria più vicina al confine laziale ma narra la leggenda che fu un'aquila ad indicare il colle su cui sarebbe dovuta sorgere Todi, la stessa aquila che, oggi, campeggia sullo stemma cittadino. La migliore cosa da fare per visitare la città è partire dalla sua funicolare, tipico esempio di progresso che sta al passo dell’impatto ambientale. Parcheggiata la macchina, infatti, ecco che una funicolare vi porta direttamente in centro. Percorrendo Via Ciuffelli la prima tappa d’obbligo è San Fortunato che, pur essendo rimasta incompiuta è una delle chiese più importanti e particolari del suo genere. Nota per i curiosi: visto che i mastri artigiani si divertivano a lasciare piccoli scherzi in pietra ai loro committenti, divertitevi anche voi a vedere le ghiere delle colonnine del portale e mi raccomando partite da una in particolare sulla destra e seguitela fin a sinistra. Notato niente? Superato lo shock, entrate ed ammirate la cripta dove sono conservate le spoglie di fra Jacopone. Scendete la scalinata e proseguite la visita. Cuore della città è Piazza del Popolo che racchiude in sé tutti i più bei monumenti dell’acropoli: il Duomo medievale da cui si accede tramite una scalinata e, dall’altro lato della piazza, il Palazzo dei Priori e il complesso, tipicamente medievale e atto al governo della città, del Palazzo del Popolo e del Palazzo del Capitano. Una delle maggiori particolarità della città è che, di fatto, è rimasta identica alla Todi medievale (le carte antiche non si discostano molto da quelle attuali) e questo l’ha resa ideale per quei turisti che uniscono, all’incanto della novità del viaggio, la bellezza della possibilità di ammirare i luoghi della storia. Pochi sanno che Garibaldi, dopo la disfatta della Repubblica Romana, si rifugiò a Todi per tre giorni e che, perorando la causa del patriottismo italiano, riuscì a far indossare a vari tuderti la famosa camicia rossa. Tra gli elenchi che furono redatti allora molti sono i nomi degli abitanti di Todi che seguirono l’eroe dei Due Mondi fino alla III guerra d'indipendenza. Per chi volesse vedere (e ricordare) le gesta dei garibaldini resta il Convento dei Cappuccini e un cipresso, ancora visibile oggi, che venne piantato nell’orto sottostante l’attuale Piazza Garibaldi. Sarà proprio al Convento dei Cappuccini che però la storia prenderà la piega che tutti conosciamo. Si racconta (e le testimonianze lo confermano) che proprio lì, nel luglio del 1849, Anita Garibaldi in preda alle doglie del parto, abbandonò la sua sella argentina (oggi custodita nel museo comunale di Todi) per sostituirla con un’altra, decisamente più comoda, donatale da un artigiano sellaio.

Contatti

Per informazioni e prenotazioni puoi scriverci

oppure chiamarci al telefono
cellulare: +39 328 264 68 21

Offerte

Alcune occasioni per visitare l'Umbria e dormire nel nostro b&b...

3 giorni scontati tutto l'anno!

Offerta 3 notti in matrimoniali o triple a partire da 65€ al giorno!

Eventi

I prossimi eventi in programma a Perugia e dintorni sono:

Feste e Sagre locali

Il modo migliore per mangiare la cucina tipica umbra.

I Primi d'Italia

La festa dei primi piatti tutti da gustare.

Eurocholate

La festa del cioccolato!

I Comfort

  • Bagno privato in camera
  • Internet wireless gratuita
  • Climatizzazione personalizzata
  • Parcheggio
  • Ascensore
  • Asciugacapelli
  • Cassaforte
  • Frigobar
  • leggi tutto

© B&B Le Olive
il bed&breakfast tra Perugia e Assisi - +39 328 2646821 / +39 075 5995028 - info@leolivebeb.com